Dal 12 MAGGIO in tutte le librerie

COMPAGNI DI STADIO

SOLANGE CAVALCANTE

“Questa non è solo una storia di calcio.

Questa è la storia di una rivoluzione.”

Sinossi

Negli anni bui e silenziosi della lunga dittatura militare brasiliana, una squadra di calcio ispirò un’intera nazione e contribuì al ritorno della democrazia e della libertà. Questa è la storia dell’ingenua Comune, repubblica democratica o incredibile soviet calcistico, che fiorì e prosperò in Brasile nello Sport Club Corinthians Paulista tra il 1981 e il 1985. Nello stesso popolarissimo club il destino riuscì a riunire un dirigente sociologo, un terzino sindacalista, un centravanti ribelle e un attaccante dal nome di filosofo, laureato in Medicina, Sócrates Brasileiro Sampaio de Souza Vieira de Oliveira, per il mondo intero semplicemente Sócrates. A loro si unirono un geniale pubblicitario, i compagni di gioco, di lotta, di vita, di stadio e il popolo brasiliano. Nelle stagioni 1982/83 il Corinthians di San Paolo vinse il campionato con la parola “Democracia” stampata sulle magliette. Una vittoria che, per Sócrates, fu “probabilmente il momento più perfetto della vita”. Era il punto di arrivo di una battaglia iniziata con la Democrazia Corinthiana, il tentativo di trasformare l’autoritarismo con cui si gestivano le squadre di calcio in un sistema in cui tutti, dai massaggiatori alle riserve, condividevano le decisioni attraverso il voto: salari, contratti, cessioni e nuovi acquisti, arrivando addirittura a mettere in discussione il tabù dei ritiri prima delle partite. Genio e sregolatezza, Sócrates è diventato il simbolo di un calcio impegnato, amato in patria e nel mondo, protagonista di una delle vicende sportive e politiche più importanti ed emozionanti della storia contemporanea. Una storia che è già leggenda.

espandi

Note

Solange Cavalcante è giornalista, traduttrice e corinthiana militante. Vive e lavora a Roma. È nata a San Paolo del Brasile l’anno prima che la dittatura militare mettesse a tacere il Paese con i suoi manuali di tortura, la censura e le armi. Nel 1982 la sua generazione ha visto sorgere la Democrazia Corinthiana, e l’ha seguita con entusiasmo, insieme a milioni di altri brasiliani, negli stadi e nelle piazze.

espandi