Cast Tecnico

REGIA Fabrizio Bentivoglio SOGGETTO E SCENEGGIATURA Umberto Contarello, Filippo Gravino Guido Iuculano, Fabrizio Bentivoglio Liberamente ispirato ai racconti fatti a tavola da Fausto Mesolella COLLABORAZIONE ALLA SCENEGGIATURA, ALLA REGIA, E CASTING Valia Santella DIRETTORE DELLA FOTOGRAFIA Luca Bigazzi MONTAGGIO Esmeralda Calabria SCENOGRAFIA Giancarlo Basili COSTUMI Ortensia De Francesco SUONO Emanuele Cecere MUSICHE Fausto Mesolella ORGANIZZAZIONE Ivan Fiorini SUPERVISIONE ALLA PRODUZIONE Valeria Licurgo PRODOTTO DA DOMENICO PROCACCI Una PRODUZIONE FANDANGO In collaborazione con MEDUSA FILM e SKY Il film è stato realizzato con il contributo del Ministero dei Beni Culturali

Cast Artistico

Faustino Antimo Merolillo Raffaele Niro Ernesto Mahieux Vincenza Lina Sastri Autore Roberto de Francesco Discografico Luigi Montini Carlo Tagnin Flavio Bonacci Pietro Tagnin Ugo Fangareggi Franca Marrocco Daria D'Antonio e con Gerry Como Peppe Servillo Riverberi Fabrizio Bentivoglio Annamaria Valeria Golino Maestro Falasco Toni Servillo
Domenico Procacci presenta

Lascia perdere, Johnny!

Fabrizio Bentivoglio
un film di FABRIZIO BENTIVOGLIO con Antimo Merolillo per la prima volta sullo schermo, Ernesto Mahieux, Lina Sastri e Peppe Servillo, con Fabrizio Bentivoglio, con Valeria Golino e con Toni Servillo Una produzione FANDANGO in collaborazione con MEDUSA FILM e SKY Distribuito da Medusa film

Trailer

Sinossi

Caserta 1976. Faustino Ciaramella ha diciotto anni e se non trova un lavoro a fine anno dovrà partire per il servizio militare. Per adesso suona la chitarra nell’orchestra del maestro Domenico Falasco, trombettista e bidello. L’esperienza con la colorata “orchestra Falasco” finisce una sera di primavera a Roccamonfina. Ma per fortuna l’impresario, Raffaele Niro, ha in serbo per Faustino una grande possibilità per l’estate: lavorare per il maestro Augusto Riverberi, musicista ed ex amante della Vanoni. La “Piccola Orchestra di Augusto Riverberi” si forma, poco a poco:Augusto al piano, Jerry Como è il crooner, e Faustino che armeggia al Revox con le basi, visto che la chitarra non gliela lasciano suonare. Nel frattempo Augusto comincia a frequentare casa Ciaramella, passa le sue giornate in compagnia di Vincenza e comincia a fidarsi di Faustino, “Johnny” come lo chiama lui. Dopo aver suonato ad un matrimonio di notabili del posto e alla trasmissione televisiva “Senza Rete”, l’ultima esibizione è al “Canto delle Sirene” di Capri, sotto la pioggia. Ed è lì che per la prima volta Faustino imbraccia la sua chitarra e suona. Il giorno seguente, dopo essere finiti alla deriva e sbarcati in smoking sulla spiaggia affollata di Sorrento, Raffaele Niro si dilegua senza pagare nessuno. E così la tournèe estiva della “Piccola Orchestra” ha bruscamente termine. Quando a dicembre arriva una telefonata di Augusto, Faustino parte per Milano con la sua chitarra a tracolla, ma alla stazione non trova nessuno ad aspettarlo. Si sistema in una piccola pensione di Rho, passa le giornate da solo, aspettando Augusto. La vigilia di Natale, costretto a dare in pegno la sua chitarra per pagarsi la stanza, solo e senza una lira, Faustino decide di tornare a Caserta a piedi. Viene recuperato, tramortito dal freddo, da un camion dei pompieri. Il giorno di Natale, adottato dai pompieri, Faustino scrive a sua madre una letter a di storie inventate, racconta che sta lavorando con Augusto e che tutto va per il meglio. Mentre scrive guarda oltre i vetri della finestra: nella neve avvolto in un cappotto, vede avvicinarsi un uomo che impugna la custodia di una chitarra...
espandi

Note

Ci sono storie che si fanno cercare a lungo, e storie che si presentano da sole, quasi volessero costringerti a raccontarle. Questa storia l’ho incontrata per caso, quando non pensavo affatto di doverne trovare una e fin dal primo incontro l’ho riconosciuta come una storia che mi sarebbe piaciuto raccontare perchè, sia pure per via indiretta, parlava di cose che mi stanno a cuore. In primo luogo, questa è una storia di musica, e l’amore per la musica è una parte essenziale della mia vita: una passione che gradualmente, grazie all’incontro col gruppo degli Avion Travel, si è trasformata in un mestiere fatto da dilettante e poi in una complessa esperienza umana. Con gli Avion Travel ho suonato e ho vissuto: abbiamo condiviso il palco per più di cento repliche in giro per l’Italia con l’operina “La guerra vista dalla luna”, abbiamo inciso due dischi, sono diventato loro amico, e soprattutto ho imparato a sentire il gruppo come una strana comunità che sopravvive suonando, e che suonando, a poco a poco, diventa famiglia. In altre parole, dagli Avion Travel sono stato adottato. Insieme a loro è nata la mia prima esperienza di regia, il cortometraggio Tipota, e all’origine di questa nuova storia ci sono di nuovo loro, con i loro racconti. In particolare quelli di Fausto Mesolella, grande chitarrista nonché raccontatore. Erano racconti di musica, ovviamente, ma anche qualcosa di più: parlavano dei loro inizi, delle loro prime tournée, di un ragazzo che senza saperlo cerca il suo posto nel mondo e suonando trova una famiglia. Così, per quanto frammentarie, queste storie di musicisti diventavano per me sempre più decisive: parlavano di musica e di famiglia, come ho detto, e parlavano anche degli anni Settanta. Questo mi chiamava di nuovo in causa: anch’io ero ragazzo negli anni Settanta. Non posso dire di sentirne la nostalgia, ma li ricordo come anni di ingenuità, come un tempo in cui ci si affidava al futuro e agli altri con una certa incoscienza, ma anche con fiducia. Un tempo, per così dire, in cui i desideri contavano più delle possibilità, il talento non era un’ossessione e il rapporto con gli altri non solo un rapporto di concorrenza. Alla fine, dunque, sono questi tre gli elementi che hanno preso forma e si sono coagulati nella storia del nostro Faustino Ciaramella: la musica, la famiglia, e l’”ingenuità” degli anni Settanta. Quanto più ne parlavo, tanto più sentivo il bisogno di dare una forma precisa a questa costellazione di sentimenti, e questa forma è venuta quasi da sola, senza forzature, grazie all’aiuto e al lavoro di Umberto Contarello, Filippo Gravino, Guido Iuculano e Valia Santella. Con loro ho cominciato a immaginarla come la storia di un ragazzo che inizia a suonare, e che nel disastro di una breve e improbabile tournée riesce a mettere insieme una strana famiglia, togliendo peso ai conflitti e affidandosi ai suoi compagni di avventura: un impresario dalla fuga facile, un trombettista-bidello, un direttore d’orchestra al tramonto, un cantante che non ha mai avuto successo... Almeno in scrittura, questa storia è stata pensata in tre parti, quasi in tre capitoli, ognuno dei quali si porta dentro il sentimento degli anni Settanta, ma anche l’eco di altre epoche, già passate o non ancora venute: gli anni Cinquanta, con Falasco e i suoi orchestrali; i Sessanta, che vivono nella figura del Maestro Riverberi e nella sua musica; gli anni Ottanta, allusi nella parte finale, con lo spettro del fallimento e della solitudine, segni di un nuovo tempo che sta per cominciare. La voce fuori campo è un elemento importante, fondamentale per tutto il film: non nasce da una scelta precostituita, ma dall’esatta individuazione del carattere del protagonista, del suo modo di stare al mondo. Faustino è un ragazzo che preferisce sempre fare un passo indietro piuttosto che un passo avanti, e questo è del tutto evidente dal rapporto tra le cose che dice e le cose che pensa. Detto con altre parole, è un ragazzo che pensa molto e parla pochissimo, e la voce fuori campo ci fa entrare direttamente nel suo mondo interiore, fatto di osservazioni sempre un po’ fuori tono, e di pensieri troppo ingenui per essere detti ad alta voce. Come spesso capita alle storie di formazione, anche la storia di Faustino è collocata in un tempo chiuso, il tempo che precede la sua partenza per il servizio militare. Sarebbe, in apparenza, un tempo di attesa, ma lui lo usa inconsapevolmente, e lo vive come un vero servizio militare, un apprendistato, un’introduzione alla vita adulta. Per quanto riguarda la scelta del cast, gli attori a cui penso sono legati a questa storia fin dall’inizio, perché li ho in mente da quando ho iniziato a scrivere: sono persone che conosco bene, colleghi che stimo, e l’immagine che ho di loro ha contribuito in maniera determinante alla nascita dei personaggi. A questo proposito, tuttavia, devo segnalare un’importante eccezione, che riguarda la scelta del protagonista. L’avventura che ho vissuto finora, dal primo incontro con i racconti degli Avion Travel fino alla scrittura del copione, mi ha sempre dato il senso di una grande facilità: la storia nasceva senza forzature, e questo mi dimostrava la verità e l’autenticità del racconto. Sapevo tuttavia che la scelta del protagonista sarebbe stata difficile, temevo di non trovare nella vita nulla che si adattasse a quello che avevo immaginato. I fatti mi hanno dato torto: incontrando una decina di ragazzi, musicisti dilettanti della provincia di Caserta, mi sono trovato di fronte al mio protagonista in carne ed ossa, un ragazzo che ha l’esatta fisionomia fisica ed esistenziale di Faustino. Questo incontro, così semplice e improvviso, mi ha emozionato: mi piace considerarlo una prova della verità e del valore di questa storia, e mi dà serenità e sicurezza nell’affrontare le difficoltà che verranno.
espandi