Cast Tecnico

Diretto e adattato per lo schermo da ROB EPSTEIN & JEFFREY FRIEDMAN Prodotto da ELIZABETH REDLEAF CHRISTINE KUNEWA WALKER ROB EPSTEIN JEFFREY FRIEDMAN Produttori esecutivi GUS VAN SANT JAWAL NGA Direttore della fotografia EDWARD LACHMAN, ASC Montaggio JAKE PUSHINSKY Costumi KURT AND BART Musica CARTER BURWELL Supervisore delle musiche HAL WILLNER Animazione ERIC DROOKER Produttore dell’animazion JOHN HAYS CoProduttori BRIAN BENSON ANDREW PETERSON STEELE Produttori Associati PETER HALE BOB ROSENTHAL KEN BAILEY JAMES Q. CHAN KELLY GILPATRICK Durata 90 min.

Cast Artistico

AllenGinsberg JAMES FRANCO Jack Kerouac TODD ROTONDI Neal Cassady JON PRESCOTT Peter Orlovsky AARON TVEIT Ralph McIntosh DAVID STRATHAIRN Jake Ehrlich JON HAMM Lawrence Ferlinghetti ANDREW ROGERS Judge Clayton Horn BOB BALABAN Gail Potter MARY-LOUISE PARKER La fidanzata di Jack HEATHER KLAR La fidanzata di Allen KADANCE FRANK Mark Schorer TREAT WILLIAMS marinaio JOE TORONTO Luther Nichols ALESSANDRO NIVOLA David Kirk JEFF DANIELS Allen Ginsberg ALLEN GINSBERG

URLO

ROB EPSTEIN & JEFFREY FRIEDMAN
un film di ROB EPSTEIN & JEFFREY FRIEDMAN “Intelligente ed estremamente rispettoso del personaggio e del suo poema più famoso, HOWL è una mirabile, se non fondamentale, esplorazione sulle origini, l’impatto ed il significato del lavoro di Allen Ginsberg.” Variety

Trailer

Sinossi

Nella San Francisco del 1957, un capolavoro di letteratura americana fu portato sul banco degli imputati. HOWL è il film che descrive questo momento fondamentale della contro-cultura americana. La storia è raccontata principalmente su tre piani di lettura : il processo, la riabilitazione del giovane Allen Ginsberg (James Franco), e il poema stesso, animato da alcuni graphic novelists, e dal collaboratore di Ginsberg, Eric Drooker con il suo immaginario beat. Il genere stesso del film ricorda la sconvolgente originalità del poema. Il racconto del processo rappresenta la trama narrativa del film, riecheggiando temi ancora in voga oggi: la definizione di osceno, i limiti della libertà di espressione e la stessa natura dell’arte. L’avvocato della difesa è interpretato da Jake Ehrlich (John Hamm), l’ avvocato liberale delle star. Il pubblico ministero invece, Ralph Mcintosh (David Strathairn), cerca di provare che l’opera è oscena, tentando allo stesso modo di interpretarla. RITRATTO DI ALLEN GINSBERG Ginsberg 〈ġìnsbëëġ〉, Allen. - Poeta statunitense (Newark, New Jersey, 1926 - New York 1997). Studiò alla Columbia University, entrando in contatto con J. Kerouac e W. Burroughs; si affermò con la sua prima raccolta di poesie (Howl and other poems, 1956), da cui si usa far iniziare la letteratura della beat generation, polarizzata tra San Francisco e il Greenwich Village di New York. Fedele a un sistematico sperimentalismo nella vita e nell'arte, G. compì numerosi viaggi (Messico, Europa, Amazzonia, Tangeri, Vietnam, India, Giappone, ecc.), dando frequenti letture pubbliche dei suoi versi, e si accostò sempre più alla filosofia buddista. La sua poesia, che voleva essere una rappresentazione obiettiva di sensazioni ed esperienze e una denuncia del fallimento dell'ottimismo americano, portava alle estreme conseguenze lo sperimentalismo formale di W. Whitman. Tra le sue raccolte di versi si ricordano: Empty mirror: early p oems (1961); Kaddish and other poems, 1958-1960 (1961); Reality sandwiches: poems 1953-1960 (1963); Planet news: poems 1961-1964 (1968); Some Mantras (1969); The fall of America: poems of these States, 1965-1971 (1972); Iron horse (1974); First blues: rags, ballads and harmonium songs, 1971-1974 (1975); Sad dust glories (1975); Mind breaths: poems 1972-1977 (1978); Plutonian ode and other poems, 1977-1980 (1981); la raccolta complessiva Collected poems: 1947-1980 (1984). Accanto all'interesse per le filosofie orientali, sfociato nella conversione al buddismo, vanno ricordati la sua passione per la fotografia (Snapshot poetics. A photographic memoir of the beat era, 1989; Poem, interview, photographs, 1994) e l'intimo rapporto con la musica, assunta da G. come parte integrante della sua poesia, dal mantra cantilenato nelle letture pubbliche alle registrazioni su disco (The lion for real, 1989; Hydrogen jukebox, con P. Glass, 1993; The ballad of the skeletons, 1996).Tra le raccolte che hanno arricchito la sua produzione poetica si ricordano White shroud: poems 1980-1985 (1986), Cosmopolitan greetings: poems 1986-1992 (1994; trad. it. 1996), nonché il volume antologico Selected poems 1947-1995 (1996; trad. it. Papà respiro addio. Poesie scelte, 1947-1995, 1997). Postumi la raccolta di interviste Spontaneous mind: selected interviews 1958-1996 (a cura D. Carter, con una prefazione di V. Havel, 2001) e il volume che riunisce la corrispondenza tra G. e il padre, Family business: selected letters between father and son (a cura di M. Schumacher, 2001): le lettere ivi raccolte vanno dal 1944 al 1976, anno della morte del padre di G., Louis, anch'egli poeta. I testimoni dell’accusa sono un’ insegnante d’inglese (Mary-Louise Parker), che reputa il poema osceno, e un professore (Jeff Daniels) che ha un’idea precisa su ciò che è, o che non è, scritto bene. Dalla parte della difesa ci sono 50 intellettuali (Treat Williams, Alesandro Nivola tra i tanti), che ricordano i meriti culturali e artistici del poema. Il giudice che presiede l’udienza è Clayton Horn (Bob Balaban), che decreta una sentenza sorprendentemente appassionata. In un immaginifica intervista scandita da flashback, Ginsberg medita sul suo processo creativo e sulle difficoltà che ha dovuto affrontare. Il poema stesso vive di una vibrante animazione – un viaggio fantastico nella mente dell’artista. Una produzione TELLING PICTURES, WERC WERK WORKS, RABBIT BANDINI PRODUCTIONS, RADIANT COOL
espandi

Note

IL LIBRO Allen Ginsberg Urlo & Kaddish Poesie - il Saggiatore «Benvenuti nel mondo di Allen Ginsberg, unico ingresso alla realtà passando per incubi e sogni e desideri inappagati e narrazioni incredibili di piccoli frammenti di gesti assurdi.» Dalla prefazione di Furio Colombo «Ho visto le menti migliori della mia generazione distrutte da pazzia.» Con questi versi, letti da Ginsberg stesso il 13 ottobre 1955 alla Six Gallery di San Francisco, si apre Urlo, diventato presto un testo fondamentale della Beat Generation. Una ballata psichedelica, un grido di dolore e protesta contro l’America, feroce matrigna. Ma Urlo è anche colmo di tenerezza e umorismo: nei versi rapidi che incapsulano decine di esistenze e personaggi, nell’invito a non dimenticare ciò che è santo e vero nella vita. Insieme a Urlo, Kaddish, il bellissimo lamento funebre per Naomi, la madre morta in manicomio, in cui il dolore individuale si scioglie nella totalità dei dolori. Allen Ginsberg (1926-1997) è nato a Newark, New Jersey. Nel 1956 ha pubblicato Urlo, destinato a diventare uno dei testi poetici più letti del secolo. Il suo incontro con Jack Kerouac e William Burroughs a New York nel 1944 fu l’inizio della Beat Generation. Il Saggiatore ha pubblicato la raccolta Saluti Cosmopoliti (1996), l’antologia Papà respiro addio (1997) Urlo & Kaddish (1997, Tascabili Poesia 2009).